Cooperativa Il Ponte

Progetto “Distrabilia” Calcio

Praticare uno sport non deve fondarsi sull’idea del successo, bensì sull’idea di dare il meglio di sè

G. Dorio

 

Anche per quest’anno grazie all’ASD Bresciana NonsoloSport ONLUS riproponiamo il Progetto “Distrabilia Calcio” che si svolgerà ancora presso il campo della Polisportiva  Volta a partire da ottobre 2017.

La promozione di attività motorie e sportive adattate e calibrate sulle capacità e sui bisogni delle persone disabili assume un ruolo significativo poiché permette il confronto con gli altri, la verifica e la percezione immediata della propria efficienza, il superamento dei propri limiti.

L’attività motoria, quindi, diventa strumento educativo e rieducativo di grande efficacia soprattutto se non perde l’aspetto ludico e socializzante.

Fondamentale risulta essere la spinta pulsionale all’agire che nasce nella dimensione motoria, poiché essa rappresenta un ambito di valorizzazione essendo agganciata all’esperienza immediata e concreta della corporeità.

Sviluppo di potenzialità individuali, incremento di capacità ed acquisizione di abilità, integrazione in contesti di vita ricchi di relazioni significative, rendono il ruolo dell’attività motoria e sportiva fondamentale nell’intervento rivolto a soggetti disabili che, in questo modo, hanno la possibilità di trovare elementi di successo e valorizzazione personale, praticando, con alta motivazione e divertimento, un’attività particolarmente benefica.

Oltre al miglioramento della forma fisica, allo sviluppo cognitivo conseguente all’apprendimento motorio, alla socializzazione conseguente all’integrazione nel mondo sportivo, vi è un miglioramento dell’autostima e autoefficacia che sono dimostrati dagli studi fin ora pubblicati.

Le finalità del progetto “Calcio” sono:

  • permettere il miglioramento della conoscenza del proprio corpo e delle sue abilità motorie e potenzialità;
  • sviluppo del concetto di gioco di squadra e delle metodiche relazionali di appartenenza ad un gruppo;
  • incremento dell’autostima, sentendosi parte di una squadra e come tale protagonista delle relazioni di gioco;
  • miglioramento delle dinamiche di inclusione sociale attraverso il piccolo gruppo squadra;

Il progetto sarà condotto da operatori laureati nella Laurea Specialistica in Scienze e Tecniche delle attività motorie preventive e adattive